Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se non si modificano le impostazioni del browser, Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su ok o un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

 

M.R.1024 X 768

ThE  VoiCe KaRol WojTyLa

Editore:  I.P.S.S.E.O.A.  "Karol Wojtyla"   dott.ssa Daniela Di Piazza,   Direttore responsabile:   dott.ssa Lella Battiato,    Reg.Tribunale di Catania 24/16

Get Adobe Flash player

News in Evidenza

L’Istituto Alberghiero “Karol Wojtyla” partecipa  con la classe V P di enogastronomia, con successo, al progetto Unesco “5 sensi per 7 siti”

Lella Battiato Majorana - foto Maria Aloisi

 

L’Istituto Alberghiero “Karol Wojtyla”, ha realizzato un progetto nazionale con Unesco, in sinergia con la classe 5^ P Enogastronomia, plesso via Anfuso, proff. referenti Luca Nicolosi e Vincenzo Mannino. Le alunne Alice Maria Grasso ed Eleonora Marletta, insieme alla classe, hanno realizzato tra i molteplici piatti dei sette siti Unesco siciliani: Siracusa , Etna, Val di Noto, Palermo/Monreale, Eolie, Agrigento, Piazza Armerina, un menu dal sito  alla riscoperta di Siracusa con l’Unesco, composto da tre piatti: Ove implite delli Hospiti da Timachida di Rodi (uova ripiene); Orcino di sama con la dolce cipolla di Rodi (tunnina ca cipuddata); Tetiromeni plakountes rodiensi (frittelle di rodi con ricotta e mandorle).

Le studentesse riferiscono che “Il piatto che ci ha colpito particolarmente è stato il dolce a base di pasta fillo (pasta tipica greca molto sottile) e ripieno con mandorle, limone e ricotta, perché siamo riusciti ad unire la tradizione greca a degli ingredienti semplici ma frequenti a Siracusa”. Continuano “Le frittelle riproponevano la decorazione pittorica dei vasi greci fatta di motivi geometrici”.

Un progetto ambizioso che coinvolge una pluralità di attori e di azioni, si pone l’obiettivo di creare per la prima volta in Sicilia una sinergia tra i sette siti iscritti alla World Heritage List, attraverso interventi relativi al settore dell’educazione e della comunicazione. Invita ad un nuovo approccio per la comprensione del patrimonio culturale materiale e immateriale del territorio di riferimento. Il percorso formativo coinvolge tutti gli studenti e pubblico in genere, fil rouge è il tema dell’accessibilità attraverso realizzazioni di attività inclusive e trasmissione di conoscenze tra i giovani. L’attività laboratoriale è svolta insieme ai ragazzi della Fondazione ODA di Catania e Comunità S. Egidio, per al valorizzazione dei siti Unesco.

 

Concorsi the Voice "Karol Wojtyla"

Ristorazione & Gare