Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se non si modificano le impostazioni del browser, Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su ok o un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

 

M.R.1024 X 768

ThE  VoiCe KaRol WojTyLa

Editore:  I.P.S.S.E.O.A.  "Karol Wojtyla"   dott.ssa Daniela Di Piazza,   Direttore responsabile:   dott.ssa Lella Battiato,    Reg.Tribunale di Catania 24/16

Get Adobe Flash player

News in Evidenza

Gli studenti dell’Alberghiero “Karol Wojtyla” Catania per il progetto Erasmus+ Spielend Neues Lernen, accolti al “Gymansium Acharnon” in Grecia

 Coordinamento Proff. Anna Chiarenza, Annamaria Costantino

 

realizzazione lavori in collaborazione con gli studenti: Giuseppe De Cento, Francesco La Spina, Mario Miceli - III A Enogastronomia, Agata Mafodda - III A Sala Vendita, Davide Puglisi - IV F Enogastronomia*

Studenti e docenti dell’IPSSEOA Karol Wojtyla Catania hanno visitato il Gymnasium Acharnon ad Acharnes, Atene - Grecia dal 6 al 10 Maggio 2019 nell’ambito dell’ultima visita di scambio con studenti del progetto Erasmus+ “Spielend Neues Lernen”. Gli studenti, Giuseppe De Cento (III A Enogastronomia), Francesco La Spina (III A Enogastronomia), Mario Miceli (III A Enogastronomia), Agata Mafodda (III A Sala Vendita) e Davide Puglisi (IV F Enogastronomia), accompagnati dalle docenti Anna Chiarenza e Annamaria Costantino, sono stati subito colpiti dalla bellezza della città di Atene che li ha accolti con un tepore estivo.  Altrettanto calorosa è stata l’accoglienza loro riservata all’arrivo al Gymnasium Acharnon ad Acharnes da parte del Dirigente Scolastico Dott.ssa Marianthi Platsi, della collaboratrice del Dirigente e responsabile del progetto Spielend Neues Lernen, prof.ssa Stavrula Valkanou e di tutti i docenti, dello staff e degli studenti. Le giornate sono state scandite dalle visite alla città di Atene, al Museo dell’Acropoli, al Partenone, a Sounion e alla splendida isola di Hydra, dalle attività di studio e gamification a scuola.

Le emozioni per gli studenti sono state tante e la studentessa Agata Mafodda di III A Sala Vendita ha voluto esprimere così le sue sensazioni.

“L’esperienza in Grecia mi ha fatto crescere non solo a livello personale ma anche come bagaglio culturale così come la conoscenza della lingua inglese. È stato tutto bellissimo. Questi progetti sono molto utili per scoprire il mondo, per conoscere cose nuove, per fare nuove amicizie. Noi giovani siamo bloccati nella nostra routine quotidiana e ci poniamo dei limiti, ma questa esperienza mi ha fatto capire che non dobbiamo fermarci a quello che vediamo tutti i giorni. Là fuori c’è un mondo pieno di cose che noi ancora non sappiamo, e noi queste cose abbiamo bisogno di saperle per crescere, per allargare i nostri orizzonti, per eliminare i limiti che ci poniamo ogni giorno. La vita non è in tutto quello che vediamo ogni giorno, non è nelle cose che ci circondano, la vita è tutto quello che noi non abbiamo ancora visto e conosciuto… e a farmi capire queste cose è stata la settimana trascorsa in Grecia. Certo il momento più brutto è dirsi addio… Ma ne vale la pena! Adesso mi sento una persona decisa, ho una visione migliore del mondo e ho una visione migliore di me stessa. Parteciperei a mille di questi progetti e credo bisogna farne di più!”

 

*Lella Battiato Majorana

 

Concorsi the Voice "Karol Wojtyla"

Ristorazione & Gare

Ultimi Articoli