Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se non si modificano le impostazioni del browser, Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su ok o un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

 

M.R.1024 X 768

ThE  VoiCe KaRol WojTyLa

Editore:  I.P.S.S.E.O.A.  "Karol Wojtyla"   dott.ssa Daniela Di Piazza,   Direttore responsabile:   dott.ssa Lella Battiato,    Reg.Tribunale di Catania 24/16

Get Adobe Flash player

Galà al Teatro Antico di Taormina in memoria di Giuseppe Di Stefano. Premiati il regista Franco Zeffirelli ed il soprano Lucia Aliberti. Esecuzione di Aida in forma di concerto

Carlo Majorana Gravina

 

Le magiche atmosfere del Teatro Antico di Taormina hanno accolto uno degli eventi più attesi della seconda stagione del Mythos Opera Festival. Il 24 agosto è andato in scena l’Aida Concert-Gala, in omaggio al tenore Giuseppe Di Stefano, nel decennale della sua scomparsa.

Regista della serata Nino Strano, già aiuto regista, tra gli altri, di Franco Zeffirelli e Mauro Bolognini; coordinamento dell'attore  regista Giancarlo Zanetti.

Dopo l’esecuzione dell’Aida di Giuseppe Verdi in forma di concerto, si è dato corso ai riconoscimenti e alle premiazioni: al grande regista toscano Franco Zeffirelli, presente in video, per gli alti meriti culturali riconosciuti in tutto il mondo, ritirato dal regista Luca Verdone; Strano ha osservato “Molto appropriato e significativo ricordare l'opera di Franco Zeffirelli, grande maestro del cinema italiano, ultimo dei grandi ancora sopravvissuti in occasione del Galà dell'Aida, qui nel Teatro Antico di Taormina. Una serata nella quale il ricordo si mischia all'attualità e Verdi combina con Giuseppe Di Stefano e Franco Zeffirelli: grandi esponenti della cultura italiana che sicuramente rimarranno indimenticati negli anni futuri”.

Altra grande personalità a ricevere il riconoscimento alla carriera il soprano Lucia Aliberti, artista siciliana ritenuta dalla critica internazionale uno dei più grandi soprani al mondo. Di lei si sottolineano: prodigiosa tecnica vocale, particolare presenza scenica e capacità interpretative drammatiche. Celebrando 40 anni di carriera internazionale a Berlino con il concerto alla Gendarmenmarkt, città dove ha iniziato la sua carriera alla Deutsche Oper, le venne conferito il “Bellini d’Oro”. Aliberti, dopo aver ritirato il prestigioso riconoscimento, si è esibita con alcune arie  liriche famose.

Il cast di Aida era formato dal tenore coreano Rudy Park (Radamès), il basso russo Alexander Anisimov (Ramses).  Il primo, tenore lirico spinto, è una delle voci oggi più apprezzate; Alexander Anisimov, basso di lunga e fulgida carriera, si esibisce regolarmente al Metropolitan di New York dove ha debuttato nel 1994. Rammentiamo ancora la prima a La Scala di Milano, nel Don Carlo prodotto da Franco Zeffirelli (1992), con Luciano Pavarotti e diretto da Riccardo Muti.

Con Park e Anisimov, sul palco, giovani e talentuosi cantanti selezionati nel Corso di Alta Formazione, concluso il 10 luglio a Fondi (LT): Valeria Attianese (Aida); Natasha Novitskaia (Amneris); Carmine Monaco (Amonasro); Vassily Savenko (Il Faraone);, Sergio Martinoli (Messaggero);, Edit Suta (Sacerdotessa).

L'Orchestra Filarmonica della Calabria, è stata diretta da Dian Tchabanov; Coro Lirico Siciliano, diretto da Francesco Costa; a danzare sulle note di Aida, Federica Rosati e Salvo Nicolosi.