Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se non si modificano le impostazioni del browser, Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su ok o un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

 

M.R.1024 X 768

ThE  VoiCe KaRol WojTyLa

Editore:  I.P.S.S.E.O.A.  "Karol Wojtyla"   dott.ssa Daniela Di Piazza,   Direttore responsabile:   dott.ssa Lella Battiato,    Reg.Tribunale di Catania 24/16

Get Adobe Flash player

Il Lyceum Club di Catania inaugura l’anno sociale e presenta le nuove socie con il concerto dell’Ensemble Goffriller

Lella Battiato Majorana

 

Il Lyceum Club di Catania ha inaugurato l’anno sociale 2018-2019 nel salone di Palazzo Biscari alla marina con un grande concerto dell’Ensemble Goffriller, coordinato dalla sapiente direzione artistica di Giovanni Cultrera. Il quartetto intitolato al famoso liutaio Matteo Goffriller (1659 – 1742), è stato fondato dal pianista direttore d’orchestra internazionale Epifanio Comis, con i violinisti Vito Imperato e Giovanni Anastasio, Alberto Salomon alla viola, Benedetto Munzone violoncello.

La straordinaria formazione ha eseguito un’efficace preziosa interpretazione del quartetto K 478 di Mozart e dell’op. 44 di Schumann.

Cultrera, nel commentare il programma musicale della serata, ha sottolineato “il Quartetto in sol minore di Mozart si caratterizza per il particolare rapporto concertante e dialettico fra pianoforte e archi. Il modello non è quello della sonata pianistica o per violino e pianoforte, ma quello del Concerto per pianoforte; dunque è un concerto in miniatura, con un ruolo "solistico" e virtuosistico dello strumento a tastiera ben evidenziato da Epifanio Comis; la tonalità di sol minore, ben sottolineata dal primo violino Imperato (Spalla dell'Orchestra del Teatro Massimo “Bellini” di Catania) e dagli ottimi archi, è una tonalità impiegata sempre per il conseguimento di fini di intensa drammaticità”.

“Festosa, brillante e perfettamente incastonata in un classicismo formale – ha proseguito con sensibilità e attenta analisi il direttore artistico - la lettura del Quintetto di Schumann, in particolar modo il terzo tempo (Scherzo molto vivace), arricchito da due Trii, dei quali il secondo con la sua cordiale esuberanza ritmica sembra presagire gli appassionati Allegri pianistici del giovane Brahms. L'Allegro ma non troppo conclusivo sviluppa e completa, per così dire, il discorso dell'ultimo Trio e vede il pianoforte in funzione di stimolo e di guida degli altri quattro strumenti”.

L’Ensemble Goffriller, gruppo strumentale costituito da musicisti docenti presso l’Istituto musicale “Bellini” di Catania, combina sapientemente l’arte di cantare, propria degli archi, con il suono del pianoforte, mirando a quel peculiare connubio perfetto delle formazioni cameristiche del genere.

Nato dal fecondo scambio di esperienze artistiche intercorso tra musicisti di riconosciuto valore, formati nelle accademie italiane di più alto livello (Chigiana di Siena e Walter Stauffer di Cremona), attivi nelle formazioni sinfoniche e cameristiche di maggior prestigio, riscuotendo consensi di pubblico e di critica, è Artist in Residence della “Rachmaninov Academy”  di Catania.

L’ Ensemble, formazione a composizione flessibile,è in grado di eseguire un vasto repertorio, dal Barocco al Novecento, esaltando le peculiarità interpretative di ciascun componente.

Tutti i Maestri che lo compongono sono vincitori di concorsi nazionali e internazionali, in formazione o da solisti, e vantano un intenso e caratterizzante rapporto con alcuni compositori viventi, i cui lavori rappresentano una continua occasione di approfondimento e di affinamento della loro concezione poetico-interpretativa.

Accogliendo l’insistita richiesta di bis, infatti, hanno eseguito Oblivion di Astor Piazzolla, ampliando le epoche evocate e rappresentate in musica: dal Settecento, al Romanticismo, al Novecento Sudamericano.