Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se non si modificano le impostazioni del browser, Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su ok o un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

 

M.R.1024 X 768

ThE  VoiCe KaRol WojTyLa

Editore:  I.P.S.S.E.O.A.  "Karol Wojtyla"   dott.ssa Daniela Di Piazza,   Direttore responsabile:   dott.ssa Lella Battiato,    Reg.Tribunale di Catania 24/16

Get Adobe Flash player

Entusiasmante concerto al “Garibaldi” di Modica per un concerto tra due tra due straordinari maestri del jazz: Enrico Rava (flicorno) e Danilo Rea (pianoforte)

 

Carlo Majorana Gravina – foto Battaglia Medialive

“La programmazione promossa dalla Fondazione Teatro Garibaldi è divenuta ormai punto centrale delle iniziative culturali nel Sud Est siciliano: un motore trainante capace di coinvolgere appassionati e spettatori anche dai Comuni limitrofi, riconoscendo e testimoniando la centralità culturale di cui Modica si può orgogliosamente vantare anche grazie alla presenza di artisti internazionali e proposte di assoluta qualità” hanno dichiarato all’unisono il sindaco Ignazio Abate e Tonino Cannata, rispettivamente presidente e sovrintendente della Fondazione, che si avvale della direzione artistica di Giovanni Cultrera, al termine dello straordinario raffinatissimo concerto del duo jazzistico Enrico Rava – Danilo Rea.

Gli ingredienti dello strepitoso successo si erano annunciati già con il sold out registrato due giorni prima dell’evento, per uno degli appuntamenti più prestigiosi della stagione InTeatroMusica 2019-20 della fondazione modicana: il jazz ai massimi livelli di Enrico Rava e Danilo Rea, due assoluti maestri del jazz. Un concerto raffinatissimo, incontro di musica in musica, tra due artisti che hanno deciso di rinnovare la loro collaborazione quando si sono incrociati, di recente, all’aeroporto di Londra, in attesa di prendere il volo per Roma.

È nato così un concerto dai brani indimenticabili interpretati con intensità, senza cadute nella banalità, poiché per Danilo ReaEnrico è un musicista incredibile, di quelli che riconosci dopo la prima nota. Se è vero che il suono è espressione dell’anima, Enrico ne è esempio evidente. Molti solisti, quando suonano in duo, hanno bisogno di essere accompagnati. Con Enrico è diverso, si crea una sinergia e un suono unico, come se ci fosse una terza persona a suonare con noi”. E a sua volta Enrico Rava ha dichiarato “Non è la prima volta che suono con Danilo: pianista strepitoso, mai banale, che riesce sempre a sorprendermi. A differenza di tanti musicisti, è un musicista che sa ascoltare e si fa ascoltare allo stesso tempo; dalle nostre collaborazioni sono nate sempre delle cose impreviste, e questo può accadere solo quando c’è un ascolto reciproco”.

Sono stati eseguiti, infatti, brani scelti, ma anche tanto spazio all’improvvisazione che ha stupito e entusiasmato e mandato in visibilio il pubblico che gremiva la sala in ogni ordine per ascoltare rapito due tra i maestri del jazz più apprezzati al mondo.

Enrico Rava al flicorno e Danilo Rea al pianoforte sono stati i re di una serata magica al cospetto di una platea che non si è risparmiata in applausi e ovazioni. La loro musica, un misto di brani famosi e tanta, tantissima improvvisazione, ha conquistato il pubblico, regalando emozioni come solo due professionisti del loro calibro possono offrire.

Un dialogo in musica, una festa di note che ogni volta che i due s’incontrano sul palco, da soli o in gruppo, si ripete con la stessa sintonia e surreale magia, a evidenziare la naturale armonia, umana e professionale, che s’istaura sempre tra loro e che, inevitabilmente, si traduce in un capolavoro di sensazioni.

  

 

 

Concorsi the Voice "Karol Wojtyla"