Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se non si modificano le impostazioni del browser, Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su ok o un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

 

M.R.1024 X 768

ThE  VoiCe KaRol WojTyLa

Editore:  I.P.S.S.E.O.A.  "Karol Wojtyla"   dott.ssa Daniela Di Piazza,   Direttore responsabile:   dott.ssa Lella Battiato,    Reg.Tribunale di Catania 24/16

Get Adobe Flash player

Con "Carmina Burana", versione Killmayer, al Teatro Antico di Catania, conclusa la ricac stagione estiva del Teatro Massimo “V. Bellini”

  

Gran finale per la ricca stagione concertistica estiva del Teatro Massimo “Bellini” con i Carmina Burana, capolavoro di Carl Orff: un concerto che ha valorizzato le suggestioni della bi-millenaria cavea, a pochi passi dall’alcova in cui, nel 1801, vide la luce il Cigno catanese, Vincenzo Bellini.

A suggellare il percorso, una performance che vedrà protagonisti i Percussionisti e il Coro del Teatro, impegnati in una tra le pagine più folgoranti del primo Novecento. I canti della vita e del destino, del divertimento e dell’amore: composti tra il 1935 e il 1936 ed eseguiti per la prima volta all’Opera di Francoforte sul Meno l’8 giugno del 1937,.

I Carmina Burana sono una cantata scenica, realizzata a partire da un’antologia di componimenti poetici medievali inclusi in una raccolta scoperta nel 1803 dal filologo tedesco Johann Andreas Schmeller nel fondo librario del Monastero di San Benedetto in Alta Baviera. I testi, in latino ma anche in alto tedesco e in provenzale, riprendono alcuni canti medievali goliardici, intonati dai clerici vagantes durante le loro peregrinazioni di studio e di svago nelle città universitarie europee.

Aperto e concluso da un prologo che inneggia alla Fortuna, all’imperscrutabile destino che governa il mondo, il ciclo si articola in cinque parti, dedicate alla celebrazione della primavera, alla vita gioiosa e sregolata dei clerici vagantes, dediti al gioco d’azzardo come ai piaceri della buona tavola, e infine all’amore sensuale, che culmina nel racconto della storia di Blanziflor e Helena, trionfo di voluttà giovanile e di tolleranza religiosa.

È stata eseguita la versione – realizzata nel 1956 da Wilhelm Killmayer, talentuoso allievo di Orff – per tre solisti, coro misto a quattro voci e coro di voci bianche, due pianoforti e sei percussioni. Sul palcoscenico si esibiranno dunque, con le compagini del Bellini, il soprano Carmen Maggiore, il tenore Domenico Menini, il baritono Carlo Checchi, con il Coro di voci bianche “Gaudeamus igitur concentus”, diretto da Elisa Poidomani, mentre le parti pianistiche verranno assicurate da Gaetano Costa e Paola Selvaggio. Sul podio salirà Luigi Petrozziello, napoletano, forte di una trentennale carriera come maestro del coro, attivo, tra l’altro, all’Opéra di Nantes, al Teatro “Verdi” di Trieste, al San Carlo di Napoli, al “Verdi” di Salerno e al Petruzzelli di Bari.