Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se non si modificano le impostazioni del browser, Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su ok o un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

 

M.R.1024 X 768

ThE  VoiCe KaRol WojTyLa

Editore:  I.P.S.S.E.O.A.  "Karol Wojtyla"   dott.ssa Daniela Di Piazza,   Direttore responsabile:   dott.ssa Lella Battiato,    Reg.Tribunale di Catania 24/16

Get Adobe Flash player

News in Evidenza

Festeggiamo San Valentino? “Veni cca, dammi un bacio”

Carlo  Majorana Gravina

 

Al “Centro Zo. Culture contemporanee” per celebrare S. Valentino, la festa degli innamorati, si è svolta la singolare performance “Veni cca, dammi un bacio” prodotta da Vuccirìa Teatro, formazione artistica che lavora nel teatro e nella Performance-Art, fondata da Joele Anastasi ed Enrico Sortino, collaborata dall’attrice Federica Carruba Toscano.

Una creazione site specific costruita a conclusione di una residenza di creazione di dieci giorni svolta insieme a 16 attori, performer e danzatori selezionati tramite un’apposita call, firmata Joele Anastasi (regia e drammaturgia) ed Enrico Sortino (aiuto regista); in scena anche Federica Carruba Toscano e gli artisti selezionati al workshop.

Un modo nuovo, diverso, di festeggiare San Valentino. Dalla house music alla musica barocca, dalle visioni oniriche di Gaspar Noè agli scritti di Brigitte Vassallo: indagando il senso del limite di quei corpi che condividono uno spazio nell’utopia di un abbraccio, lucenti solitudini che celebrano tutto il loro affannato desiderio di incontrarsi.

«Quelli che fanno la fila davanti agli Apple Store o alle nuove sedi di Starbucks stanno manifestando la propria enorme esigenza di senso: quante cose nella vita ti fanno venire voglia di passare la notte al freddo in fila per vivere un'esperienza?» spiega il regista.

Vuccirìa Teatro svolge una ricerca di autorialità nel tentativo di creare un linguaggio che combini drammaturgia e ricerca attoriale attiva, mettendo al centro l’attore, le sue possibilità creative, la  capacità di dare vita dall’interno ai mondi che gli appartengono.

Attori spogliati da qualunque cosa, in un “essenzialismo scenico” che spinge gli interpreti ad agire come “animali”: specchio e veicolo per raccontare personaggi “bestie” ai margini di una società; anche quando il margine diventa sempre più grande, sempre più la società stessa.

Un evento happening che si è svolto nella grande sala del Centro Zo, senza posti a sedere, in due turni alle 21 e alle 23.

 

Concorsi the Voice "Karol Wojtyla"

Ristorazione & Gare

Ultimi Articoli