Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se non si modificano le impostazioni del browser, Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su ok o un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

 

M.R.1024 X 768

ThE  VoiCe KaRol WojTyLa

Editore:  I.P.S.S.E.O.A.  "Karol Wojtyla"   dott.ssa Daniela Di Piazza,   Direttore responsabile:   dott.ssa Lella Battiato,    Reg.Tribunale di Catania 24/16

Get Adobe Flash player

Mostre: "In Buio Veritas" di Silvia Pagano sino al 23 dicembre al Museo Emilio Greco

All'inaugurazione ha partecipato il sindaco Salvo Pogliese
Tredici disegni iperrealisti in bianco e nero, di medie e grandi dimensioni, daranno corpo sino al 23 dicembre, nelle sale del Museo Emilio Greco, alla mostra “In Buio Veritas” di Silvia Pagano. L'artista approda per la prima volta a Catania con una rassegna che mette a nudo il buio come metafora "dell'insondabile, del mistero, dell'abisso ignaro che avvolge il reale".
La mostra, a cura di Nilla Zaira D’Urso, è stata inaugurata alla presenza del sindaco Salvo Pogliese con un evento che ha coniugato al disvelamento delle opere, tutte coperte da un telo nero, proiezioni video e una narrazione scenica di buio e voce affidata all'attore Eugenio Patané. Ed è proprio un’armonia di stili a caratterizzare l'intera rassegna: arte visiva, performance scenica e video.
"Sono molto colpito - ha detto il sindaco Salvo Pogliese - dall'arte iperrealista di Silvia Pagano, un'autrice che ospitiamo con orgoglio nel Museo Emilio Greco con opere particolarmente suggestive, dal forte impatto, che lasciano intuire, come è nelle intenzioni dell'autrice, quanto il contrasto tra il buio e la luce nasconda ma allo stesso tempo sveli, e attraversi la realtà per restituire una visione nuova e diversa di ciò che sfugge agli occhi e alla vista".
"Non deve far paura il buio – ha spiegato la curatrice  Nilla Zaira D’Urso - poiché è un invito a sondare le ombre della conoscenza, a sfidare le nostre stesse percezioni per restituirci una verità più nitida, un'apparenza nuda”.
Formatasi all'Istituto d'arte di Giarre e all'Accademia  Euromediterranea, Silvia Pagano, classe 1987,  ha orientato nel tempo le sue energie verso il genere artistico dell'Iperrealismo, basato sulla riproduzione di un soggetto fotografico attraverso lo studio attento e minuzioso di immagini e particolari della realtà quotidiana, resi con l'utilizzo di matite. Il percorso professionale annovera mostre personali all'ambasciata americana a Roma, a Palazzo Duchi S. Stefano di Taormina, premi e selezioni in competizioni nazionali e prestigiose esposizioni quali Biennale e SaturArte Genova, Arte Laguna Prize Arsenale Venezia, Premio Enegan Art Milano, Glo'Art Lanaken Belgio, Jubilaeum Exhibition Roma.
La mostra “In Buio Veritas” è aperta al pubblico, gratuitamente, da lunedì a sabato dalle 9 alle 19, e domenica e festivi dalle 9 alle 13 (ultimo ingresso mezz'ora prima della chiusura).