Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se non si modificano le impostazioni del browser, Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su ok o un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

 

M.R.1024 X 768

ThE  VoiCe KaRol WojTyLa

Editore:  I.P.S.S.E.O.A.  "Karol Wojtyla"   dott.ssa Daniela Di Piazza,   Direttore responsabile:   dott.ssa Lella Battiato,    Reg.Tribunale di Catania 24/16

Get Adobe Flash player

News in Evidenza

Q U E S T U R A di C A T A N I A
Gabinetto del Questore
COMUNICATO STAMPA
POLIZIA DI STATO
VOLANTI
CITTADINO NIGERIANO ARRESTATO PER UNA VIOLENTA RAPINA

IN ITALIA GRAZIE A UN PERESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI UMANITARI, HA PICCHIATO A SANGUE UN CONNAZIONALE PER SOTTRARGLI SETTE EURO
Nelle prime ore del pomeriggio di ieri, agenti delle Volanti hanno arrestato il cittadino nigeriano JANKO Lamin, cl. 1997 per il reato di rapina aggravata in concorso e lesioni.
Erano circa le 14,30, quando i poliziotti che stavano pattugliando le viuzze del quartiere San Brillo Vecchio hanno udito delle urla di dolore provenienti da uno dei vicoli della zona: scesi immediatamente dall’auto, gli agenti si sono messi immediatamente in perlustrazione, per di verificare quanto stesse accadendo. A un certo punto, si sono imbattuti in un giovane di colore, steso in terra e sanguinante, che urlava per attirare l’attenzione; attorno a lui altri tre giovani, anch’essi stranieri. La vista dei poliziotti ha subito innescato un fuggi fuggi generale che, però, non ha dato scampo allo JANKO che è stato immediatamente raggiunto e bloccato.
La vicenda è stata presto ricostruita: il terzetto aveva violentemente malmenato e rapinato del portafogli, contenente appena sette euro, il giovane stesso a terra, un nigeriano richiedente asilo.
Il portafogli, peraltro con ancora il denaro dentro, è stato rinvenuto dagli agenti nel risvolto dei jeans indossati dal rapinatore bloccato, un cittadino nigeriano senza fissa dimora, con a carico precedenti per violenza sessuale e lesioni, presente in Italia già dal 2014 e provvisto di permesso di soggiorno per motivi umanitari.
L’uomo, su disposizione del P.M. di turno, è stato rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza.
Catania 8 ottobre 2018

Ristorazione & Gare

Ultimi Articoli