Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se non si modificano le impostazioni del browser, Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su ok o un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

 

M.R.1024 X 768

ThE  VoiCe KaRol WojTyLa

Editore:  I.P.S.S.E.O.A.  "Karol Wojtyla"   dott.ssa Daniela Di Piazza,   Direttore responsabile:   dott.ssa Lella Battiato,    Reg.Tribunale di Catania 24/16

Get Adobe Flash player

News in Evidenza

Allarme di UNEBA Sicilia: l’emergenza Covid-19 sta portando strutture e personale per l’assistenza e le riabilitazioni al collasso. “Non lascateci soli”

 

Lella Battiato Majorana

«L’emergenza Covid-19, in tutta la sua gravità, ci sta aprendo gli occhi su tante cose, non ultimi i limiti dell’assistenza non ospedaliera. Limiti normativi, evidenziati dalle oggettive difficoltà che le strutture stanno affrontando per proteggere ospiti e operatori». Duro j’accuse, quello pronunciato dall’UNEBA Sicilia Unione Nazionale di Enti e Iniziative di Assitenza Sociale), sezione regionale della più rappresentativa e longeva organizzazione nazionale di categoria, principalmente di matrice cattolica, del no-profit in ambito socio-sanitario, assistenziale ed educativo.

Degli oltre 900 enti associati, 50 sono siciliani che, da soli, effettuando servizi domiciliari, ambulatoriali, diurni e residenziali, quasi sempre erogati in convenzione con le Asp e i Comuni, coprono le esigenze di un bacino d’utenza di circa 5.000 utenti: anziani non autosufficienti, diversamente abili, minori a rischio.

L’ente datoriale sta facendo squadra con i propri iscritti per fronteggiare l’emergenza del contagio da Covid-19, che non sta risparmiando i più fragili. «Stiamo vivendo un momento molto delicato e doloroso – spiega il neo presidente di UNEBA Sicilia, Santo Nicosia –: vediamo spegnersi anziani e persone con disabilità. Siamo in guerra contro un nemico invisibile, e non siamo armati come dovremmo. Mancano i dispositivi di protezione individuale, i tamponi. Solo grazie all’ingegno e all’abnegazione degli operatori, in alcuni casi le strutture assistenziali e riabilitative sono riuscite a mettere in autoproduzione mascherine e soluzioni igienizzanti per le mani. Siamo consapevoli del dramma quotidiano vissuto negli ospedali da tutto il personale sanitario, che sta facendo un lavoro immane per salvare vite umane. Ma anche noi siamo in piena emergenza: siamo tenuti al rispetto delle linee guida nazionali e regionali in materia di contenimento del contagio, ma, dal punto di vista normativo, molte realtà vengono inquadrate come ‘para ospedaliere’ e non risulta prioritario, da parte delle istituzioni sanitarie, dotarle dei dispositivi di protezione individuale».

Per Nicosia, l’emergenza è resa ancora più grave dalla fragilità dell’utenza delle case di riposo e dei centri di riabilitazione: «Si tratta di persone con patologie gravi – sottolinea – e quasi sempre non autosufficienti; nel caso dei diversamente abili, parliamo poi di soggetti che non sono in grado di comprendere, e rispettare, la regola del distanziamento sociale, con tutti i rischi che questo comporta per loro e gli operatori. E per il personale che li assiste, fra cui molti medici e infermieri, è doppiamente faticoso e rischioso. Rinnoviamo l’appello già lanciato alle Istituzioni competenti: non lasciateci soli».

Concorsi the Voice "Karol Wojtyla"

Ristorazione & Gare

Ultimi Articoli