Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se non si modificano le impostazioni del browser, Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su ok o un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

 

M.R.1024 X 768

ThE  VoiCe KaRol WojTyLa

Editore:  I.P.S.S.E.O.A.  "Karol Wojtyla"   dott.ssa Daniela Di Piazza,   Direttore responsabile:   dott.ssa Lella Battiato,    Reg.Tribunale di Catania 24/16

Get Adobe Flash player

News in Evidenza

Presentato il saggio “Pedofili. Come intervenire”

della psicoterapeuta Angela Ganci

redazione

 

Semplicità espositiva, rigore scientifico, interesse per la prevenzione a opera degli adulti e a beneficio dell’infanzia abusata: con queste tre caratteristiche il libro “Pedofili. Come intervenire” della psicoterapeutae giornalista Angela Ganci propone la trattazione di un tema delicato, quanto mai attuale e dibattuto, come la pedofilia.

Il testo non pretende di fornire soluzioni rapide, immediate e definitive, ma lasciando parlare i dati scientifici della letteratura sulle conseguenze psicologiche, fisiche e sociali dell’abuso sui minori, nonchè sulle possibili terapie rivolte all’autore di reato, alla vittima stessa e a chi si dedica alla sua tutela.

“Pedofili”, saggio sulla violenza e l’abuso infantile, argomento che smuove la sensibilità pubblica e privata, un volume consigliato ai genitori e alle scuole, ma anche agli addetti ai lavori, clinici, insegnanti, esperti della protezione dell’infanzia, un libro che descrive, anche attraverso l’utilizzo di immagini stilizzate ed esemplificative, un grave fenomeno criminale e penalmente da perseguire, fornendo uno sguardo clinico che aiuti la vittima a uscire dalla spirale della violenza e alle famiglie a riconoscere le tattiche di adescamento del pedofilo, soprattutto nelle forme della violenza online, così da prevenire l’insorgenza della violenza.

Il libro è suddiviso a livello tematico in due parti: nella prima, comprendente i primi due capitoli, illustra le tipologie di abuso sui minori, dalla violenza fisica a quella sessuale fino alla trascuratezza, sono elencati i fattori di rischio e di resilienza (come la forza dei legami sociali presenti al momento della violenza e dei legami interni alla famiglia), descrivendo in modo puntuale gli effetti immediati del maltrattamento sui versanti di tipo cognitivo (come i disturbi attentivi e del linguaggio), emotivo (come l’ansia e la depressione) e comportamentale (come l’aggressività o l’ansia sociale), per concentrarsi subito dopo sulle ripercussioni della violenza sul cervello e sulle aree deputate alla regolazione emotiva (in particolare focalizzando il rapporto tra stress e deterioramento dell’ippocampo e dell’amigdala, deputati all’iperattivazione dello stato di pericolo e al recupero dei ricordi).

Ampia trattazione è altresì dedicata alle conseguenze a lungo termine dell’abuso, in particolare nelle forme del disturbo post-traumatico da stress, dei sintomi depressivi, dei disturbi di personalità e psicotici.

Nella seconda parte del libro, comprendente gli  ultimi due capitoli, si entra quindi nel vivo del tema della pedofilia.  Dopo una definizione del termine e una disamina delle caratteristiche di personalità del reo, del genere di appartenenza e delle azioni concrete di abuso da questi perpetrati (sostanzialmente finalizzate alla conquista della fiducia della vittima), ecco addentrarci nell’analisi delle origini del disturbo, secondo una prospettiva che tiene conto tanto dei fattori ambientali che personali, posando infine lo sguardo sulla prevenzione del fenomeno. Da qui delinearsi gradualmente il ruolo dei genitori e della scuola, e le azioni preventive che essi possono mettere in atto a protezione dell’incolumità del minore, specie quando la pedofilia è perpetrata online nelle forme del grooming, approccio online finalizzato all’instaurarsi di una relazione di fiducia con il minore e all’abbattimento delle difese, culminante non di rado in incontri reali, durante i quali abusare sessualmente del minore, incapace di comprendere la portata non affettiva, ma invasiva e lesiva, del gesto.

Non mancano consigli rivolti ai minori stessi, finalizzati alla denuncia di ogni abuso, anche solo sospetto, una sorta di allarme funzionale di fronte a richieste poco chiaree minacciose, come invio di foto personali a utenti appena conosciuti in Rete.

Riguardo alle terapie, invece, l’autrice, senza peccare di facili ottimismi, evidenzia potenzialità e limiti dell’intervento sul pedofilo, rifacendosi al carattere egosintonico del disturbo pedofilico, fonte di gratificazione per la carica di piacere che esso apporta, quindi resistente di norma alla psicoterapia, descrivendo le finalità di una psicoterapia che supporti l’autostima delle vittime “al fine di ristrutturare un’immagine di sè sporca e peccaminosa e riacquisire fiducia nel mondo”, “perdonando se stessi e gli adulti non competenti”, ridando a esse e alle famiglie dignità e serenità.

“Pedofili”, un messaggio sociale e un impegno professionale di lotta all’abuso, che l’autrice ulteriormente sostanzia proponendo, nell’appendice finale del libro, le attività svolte dallo Studio di Psicoterapia di cui è titolare e in programmazione, che spaziano dalla violenza domestica alla criminologia ai differenti aspetti problematici dell’età evolutiva, come i disturbi del comportamento alimentare o i disturbi specifici di apprendimento, fino al femomeno del bullismo e del cyberbullismo, alla cui genesi un ruolo non indifferente svolgono esperienze infantili, di ordine familiare e sociali, di disadattamento e maltrattamento.

Ristorazione & Gare

Ultimi Articoli