Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se non si modificano le impostazioni del browser, Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su ok o un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

 

M.R.1024 X 768

ThE  VoiCe KaRol WojTyLa

Editore:  I.P.S.S.E.O.A.  "Karol Wojtyla"   dott.ssa Daniela Di Piazza,   Direttore responsabile:   dott.ssa Lella Battiato,    Reg.Tribunale di Catania 24/16

Get Adobe Flash player

News in Evidenza

Il Convitto Cutelli di Catania ospita la cerimonia conclusiva con la consegna dei premi “Nicholas Green” ai giovani studenti, organizzata dall’Ambito territoriale di Catania, dirigente Dott. Emilio Grasso “Donare è bello”

 Lella Battiato Majorana

 

Il premio”Nicholas Green” istituito dalla Regione Siciliana, Assessorato Regionale Istruzione e Formazione Professionale e da USR Sicilia, è stato organizzato dall’ambito territoriale di Catania (Ufficio VII), Dirigente Dott. Emilio Grasso. Sono stati assegnati 3 premi di € 600,00 per gli studenti della scuola secondaria di 1° grado, il 6 ottobre che coincide “GIORNATA ANNUALE DEI DONATORI DI ORGANI”.

 

Nicholas Green, un bambino statunitense, assassinato a 7 anni sull’autostrada Salerno – Reggio Calabria durante un viaggio in Italia, diretto in Sicilia con i genitori e la sorellina, colpito accidentalmente il 29 settembre 1994 poiché l’auto fu scambiata per quella di un gioielliere, da alcuni rapinatori che tentarono il furto, degenerato poi in omicidio. Colpito alla testa mentre dormiva sul sedile posteriore, Nicholas fu ricoverato al centro neurochirurgico del Policlinico di Messina, dove morì pochi giorni dopo, il 1° ottobre, i genitori autorizzarono il prelievo e la donazione degli organi: ne beneficiarono sette italiani di cui tre adolescenti e due adulti, mentre altri due riceventi riacquistarono la vista grazie al trapianto delle cornee.

 

L’evento fece molto scalpore all’epoca, poiché la donazione degli organi non era un prassi comune. Il padre di Nicholas, ha scritto due libri “Il dono di Nicholas” e “Il dono che guarisce” e dalla vicenda è stato tratto anche un film. Sono trascorsi 25 anni e i genitori sono tornati adesso in  Calabria in occasione dell’anniversario della morte, ed è stato dedicato a Nicholas il nuovo reparto di rianimazione del Policlinico di Messina, alla presenza dei dirigenti della struttura e dei vertici dell’Assessorato alla Salute della Regione Siciliana. Così il ricordo di Nicholas sarà sempre presente anche grazie al dipinto realizzato dalla pittrice catanese Anna Bonomo.

 

“My life is a gift for others” (La mia vita è un dono per gli altri) un messaggio che è stato condiviso da tutta la sala “Vaccarini” e non sono mancati i momenti emozionanti.

 

Il concorso regionale istituito nel 1995 purtroppo venne cancellato dai finanziamenti regionali. Successivamente, in seguito all’impegno e alla sensibilità del Presidente della Regione Nello Musumeci, che nel 1996 da presidente della Provincia regionale di Catania ha finanziato un premio provinciale per le scuole che promuovevano la cultura della donazione. È stato ripreso  grazie anche all’assessore Lagalla e in particolare dall’on. Gianina Ciancio che l’ha fatto inserire nel bilancio del 2018, approvato all’unanimità da tutti i parlamentari, e poi istituito e inviato il bando a tutte le scuole della nostra Regione tramite la direzione regionale scolastica, e assegnate le somme agli Uffici Scolastici territoriali, di cui quello di Catania ha gestito l’organizzazione.

 

La sala del Convitto “Cutelli”, gremita da tanti studenti, genitori, dirigenti scolastici, che hanno accolto con entusiasmo la giornata celebrativa, moderata dalla D.ssa Lella Battiato Majorana. Si aprono i lavori con i saluti del Rettore del Convitto, Stefano Raciti, e la D.ssa Rosalba Laudani, Referente Ufficio Scolastico Provinciale, porta i saluti del Dirigente Emilio Grasso, impossibilitato a presenziare, mettendo in risalto l’importanza della solidarietà e donazione, un gesto che ha aperto le menti umane e promosso la cultura del dono. Preside Giuseppe Distefano, Referente regionale Aido, racconta la sua testimonianza e la donazione degli organi del figlio Luigi. Nonostante la Sicilia sia considerata la terra della delinquenza, la Regione Siciliana è l’unica che ha istituito la “Giornata regionale della Donazione”. È una festa e i ringraziamenti al Dott. Grasso per aver consentito di organizzarla la domenica. Continua ancora “Donare è bello, perdere un figlio è innaturale, ma donare i suoi organi mi ha permesso di respirare”. È stato proiettato un interessante video spot, testimonial Leo Gullotta.

 

Ascoltata con interesse la D.ssa Gianina Ciancio, Deputato ARS, che ha voluto sottolineare “è un onore per me aver contribuito al ripristino di questo importante premio che finalmente, dopo sei anni nel 2019 è stato rifinanziato grazie a un mio emendamento in finanziaria”. Aggiunge “uno strumento efficace per diffondere in maniera capillare la cultura della donazione degli organi. Un sincero grazie all’Aido per il prezioso lavoro di sensibilizzazione che svolgono”.

 

Intervento interattivo ed efficace che ha coinvolto gli studenti, condotto dalla D.ssa Ilenia Bonanno Coordinatore locale Trapianti e tessuti – Ospedale Garibaldi Catania, che spiega il processo della morte cerebrale dall’espianto al trapianto e proietta il video dedicato alla storia di Nicholas Green. Commuovono le sue parole e quelle degli studenti, conclude “siamo tutti potenziali donatori di organi e tutti potenziali riceventi. In vita bisogna esprimere il proprio consenso alla donazione con la piena consapevolezza, di continuare a vivere. Non deleghiamo la responsabilità della nostra vita ai nostri cari, ma regaliamoli il dono di saperci ancora in vita”

 

Prendono la parola i Dirigenti: I. C. “Carlo Alberto Dalla Chiesa” S. Giovanni la Punta, Calì Pierina Maddalena e Dirigente Scuola secondaria 1° grado “L. Castiglione” Bronte, Magaraci Maria.

 

Intervento e spunto di riflessione notevole della Prof.ssa Pina Anastasi, “L. Castiglione” Bronte, “Nicholas è un Angelo che veglia su di noi! E il 29 settembre, giorno del ferimento è la festa degli Arcangeli, come il giorno della sua dipartita il 1° ottobre, è in prossimità della festa degli Angeli, che si celebra il 2 ottobre. Questo aspetto, inconsapevolmente, hanno voluto sottolineare i ragazzi nel loro cortometraggio”.

 

Elaborati originali e inediti che sono stati realizzati a scelta dello studente sotto forma di spot pubblicitario, fumetto, elaborazione grafica, storia o scultorea, composizione in prosa (saggio, racconto, dialogo, lettera, intervista e i giovani studenti hanno svolto i temi attinenti la solidarietà umana ed in particolare la donazione di organi per fini di trapianti con raffinata sensibilità.

 

Sono stati premiati: Roberta Coppone e Scuderi Maja,  Scuola Sec.1° Grado – IC “Dalla Chiesa” San Giovanni la Punta; hanno presentato un elaborato grafico con creatività, originalità e coerenza con il tema del concorso ”Nicholas Green” per l’efficacia comunicativa. Spuches Antonella per il racconto scritto con coerenza, correttezza dei contenuti ed efficacia comunicativa, riuscendo a mettere a fuoco il tema del dono; la Classe III  F della scuola secondaria – 1° Grado – “L. Castiglione” Bronte che ha proiettato un elaborato multimediale per aver  saputo costruire, in maniera condivisa e sinergica, i temi proposti, entrambi.

Momenti di grande emozione e tanti interventi da parte degli studenti con spunti di alta riflessione e partecipazione.

 

   

Concorsi the Voice "Karol Wojtyla"

Ristorazione & Gare

Ultimi Articoli