Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se non si modificano le impostazioni del browser, Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su ok o un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

 

M.R.1024 X 768

ThE  VoiCe KaRol WojTyLa

Editore:  I.P.S.S.E.O.A.  "Karol Wojtyla"   dott.ssa Daniela Di Piazza,   Direttore responsabile:   dott.ssa Lella Battiato,    Reg.Tribunale di Catania 24/16

Get Adobe Flash player

News in Evidenza

Una pagina di cultura teatrale al Liceo Classico “N. Spedalieri” di Catania per invitare alla riflessione sul grande drammaturgo Luigi Pirandello cittadino del mondo

Applauditi l’attore Mario Opinato e il regista Pino Pesce

Lella Battiato Majorana

 

Ha riscosso notevole successo il laboratorio didattico-teatrale organizzato al Liceo Classico  “Spedalieri” di Catania, dirigente scolastico Daniela Di Piazza, per invitare gli studenti alla riflessione sul grande drammaturgo Luigi Pirandello sempre vivo nel mondo culturale.

 

“Vogliamo regalarvi qualche ora all’insegna del benessere perché … la vita è fatta di tanti momenti importanti, questo è uno di quelli  a cui non puoi mancare! Fermiamo il tempo e voi diventate protagonisti”. Questo il messaggio che ha lanciato l’attore Mario Opinato, noto al pubblico televisivo per diverse fiction e film di successo, impegnato attivamente con il teatro, e che sarà protagonista della pièce “L’uomo dal fiore in bocca”, derivato, con poche varianti, dalla novella Caffè notturno del 1918 (rinominata nel 1923 La morte addosso) in scena prossimamente per gli studenti delle scuole, nella mattinata del 4 dicembre al teatro “Don Bosco” di Catania, regia di Pino Pesce.

 

L’appuntamento ha condotto a spunti di riflessione pirandelliani, che i docenti sapientemente approfondiranno, un Pirandello affrontato non dal punto di vista filologico classico, ma cittadino,  sempre tra di noi, patrimonio immateriale dell’umanità.

 

Sono intervenuti il primo collaboratore prof. Milena Grasso, ha coordinato le classi la prof. Marinella Spina; l’incontro è stato moderato da Lella Battiato che definisce Pesce regisseur.

 

Un incontro il cui obiettivo è far amare l’autore, nella sua poliedricità del cambiamento, anticipatore della società attuale sempre in evoluzione; interessante è stato l’approccio al testo teatrale, sviluppandone  il tema attraverso un dialogo culturale, con interventi di studenti e docenti e la proiezione di un video trailer relativo alla pièce.

 

L’incontro ha stimolato parecchi studenti che hanno affrontato la problematica “l’uomo non smette mai di sognare e la sua coscienza sopravvive alla morte”; l’attore Opinato sottolinea “per me portare questo lavoro nelle scuole significa cogliere un’opportunità, costruire il mio pubblico coni giovani e sentire la loro vivacità”.

 

Pesce chiarisce “non più teatro tradizionale, ma rispettando il testo, una nuova lettura con focus sul momento del trapasso, un Pirandello non più nichilista ma a volte in una dimensione spiritualistica: ecco il nuovo volto di Pirandello”.

 

Interessante intervento della docente Gina Sciarrotta, che rivolgendosi all’attore chiede qual è il suo rapporto con Catania, la sinergia teatrale con l’autore e quanto sia importante per lui, attore catanese, recitare Pirandello “Sicuramente, risponde, per quanto riguarda il teatro italiano Pirandello lo preferisco a Goldoni”.

Differenza fra cinema e teatro, il teatro è più evocativo, risveglia ancestralità interiori, Opinato spiega le tradizioni del teatro ed evidenzia “ha sempre comandato il capocomico, ed è stato lui il vero regista, lui decide mentre il regista prepara gli attori per le prove e i movimenti, dopo gli attori prendono la loro forma”.

 

Il tema “Incontriamoci … con Pirandello!!!”, ha voluto, in chiave frizzante e moderna, dare una rilettura dell’atto unico teatrale “L’uomo dal fiore in bocca”operata dal regista Pino Pesce, docente di lettere, direttore del periodico l’Alba, molto apprezzato dagli alunni; uno spettacolo che sta portando per i teatri della Sicilia, nel quale il professore-regista sottolinea “aggiungo la speranza  alla visione cupa del grande agrigentino”.

 

Un cast ben coordinato accanto a Mario Opinato protagonista, in scena Gabriele Vitale (l’avventore), Luisa Ippodrino (allegoria della vita), Rosanna Scinà (allegoria del trapasso), voce fuori campo Pino Caruso; videomaker Vincenza Mastroeni, Dalila Romeo, musiche Elisa Russo, direttore di scena Alga Pesce.

 

 

Ristorazione & Gare

Ultimi Articoli