Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando Ok acconsenti all’uso dei cookie.Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

 

M.R.1024 X 768

ThE  VoiCe KaRol WojTyLa

Editore:  I.P.S.S.E.O.A.  "Karol Wojtyla"   dott.ssa Daniela Di Piazza,   Direttore responsabile:   dott.ssa Lella Battiato,    Reg.Tribunale di Catania 24/16

Get Adobe Flash player

News in Evidenza

Apprezzata prima edizione nazionale dell’agone di lingua e cultura greca premio “Roberto Carpino” al Liceo Classico “Nicola Spedalieri”

Lella Battiato Majorana*

 *Gianpietro Patania studente Liceo Classico “N. Spedalieri” V D

 

La sede centrale del Liceo Classico “N. Spedalieri” di Catania, ha ospitato la prima edizione nazionale dell’Agone di Lingua e Cultura Greca intitolato al preside Roberto Carpino, noto grecista nonché autore di un’importante grammatica. Dopo ben sei edizioni locali e interne alla scuola, l’Agone quest’anno è stato disputato a livello nazionale, patrocinato da Comune di Catania, DISUM, Rete Nazionale Licei Classici, progetto “Ricerca-azione Didattica Lingue e Letterature Classiche”, Associazione Mazziniana Italiana, Scuola Superiore di Catania, Società Dante Alighieri e Rotary Catania Etna Centenario.

La competizione mira a perpetuare la rigogliosa tradizione di valorizzazione dei talenti e promuovere gli studi umanistici, stimolando gli studenti ad una conoscenza più approfondita e critica della mitologia classica legata alla nostra amata Isola.  Infatti, in linea con le precedenti gare interne, il tema dell’Agone anche quest’anno è stato “la storia e i miti della Sicilia nella storiografia greca”.

I numerosi studenti, provenienti da diversi istituti della Provincia di Catania, si sono cimentati nella traduzione di un brano tratto dalla “BibliothecaHistorica” di Diodoro Siculo, riguardante il mito di Eracle in Sicilia: dopo aver intrapreso la fatica delle vacche di Gerione, il semidio arriva nella nostra isola, dove viene sfidato dal gigante Erice, figlio di Afrodite, che rimane ucciso al termine della lotta e che dà il nome al monte su cui oggi sorge l’omonima città. Correlate alla traduzione, i competitores dovevano anche rispondere a due domande, una concernente alcuni costrutti grammaticali presenti nel testo e un’altra mirata a verificare la loro conoscenza della mitologia greca in terra sicula.

Durante la mattinata successiva, nell’Auditorium “Salvatore Cuccia”, ha avuto luogo la cerimonia di premiazione degli alunni vincitori della gara.

Sono intervenuti: prof. Paolo Cipolla, Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università di Catania, Presidente della Commissione Giudicatrice; prof.ssa Ausilia Mastrandrea, assessore alle Politiche Scolastiche; prof. Dario Stazzone, Presidente Società Dante Aligheri; prof. Luca Platania Associazione Mazziniana Italiana; dott.ssa Daniela Di Piazza, Dirigente Scolastico reggente Liceo Classico “N. Sedalieri”; dott. Riccardo Carpino, Prefetto; prof.ssa Carminella Sipala; avv. Concetta Fisichella, Rotary Catania Etna Centenario.

Graduatoria di merito:

1) Valeria HUANG, Liceo “E. Amari” di Giarre (premio in denaro di 500€); 2) Maria Carla MERLO, Liceo “M. Cutelli” di Catania (250€); 3) Marco CALÍ, Liceo “G. Verga” di Adrano (200€).

Il comitato organizzatore, professori Carmelo Napoli, Gina Sciarrotta e Fabiola Carpino, estremamente soddisfatto di questa prima edizione nazionale del “Carpino”, si è dichiarato profondamente fiducioso nel rinnovo dell’Agone per una seconda edizione piena di successi, sempre all’insegna di quei valori della classicità che non si smettono mai di riscoprire, che ogni Liceo Classico che si rispetti è chiamato a difendere strenuamente.

 

Ristorazione & Gare