VULCANIA, IL 1° CENTRO COMMERCIALE DI CATANIA!

Gabriele Nasisi*   

VULCANIA ANNI 90

VULCANIA OGGI

E’ stato un simbolo degli anni ’80\’90 per la nostra città: Vulcania.

Vulcania, il primo ed unico centro commerciale in quella struttura che fu prima chiamata “SAI”, dove molti ragazzi si riunivano in comitiva prima di spostarsi come succede oggi con i nuovi centri commerciali.

Vulcania, una grande struttura di cemento che ospitava eleganti negozi e vari uffici su almeno 5 livelli e anche due grandi parcheggi.

Un’area vastissima in una delle zone più centrali della città, circondata da verde e grandi piante con parcheggi e servizi vari.

Ormai abbandonata Vulcania è solo un ammasso di cemento abbandonato solo a Febbraio 2020 gran parte degli spazi di Vulcania sono stati comprata dalla Altair , una società sportiva , che è già presente sul posto con una palestra  e una piscina , con l’intento di ristrutturare  e riportare questo posto all’antico splendore. Cosa ne vorranno fare? Un enorme centro sportivo, visto il settore dove operano? Chissà ! qualunque cosa sarà meglio di questo mostro di cemento lasciato in mano ai vandali.

La struttura, attualmente, è divisa tra locali appartenenti a privati e un’ampia zona che ospita la sede della municipalità di Borgo-Sanzio e guardarla adesso fa un certo effetto, resta solo il ricordo nostalgico di una meta di tutti. Il verde di Vulcania però viene ancora curato e molti bambini e ragazzi con i genitori passano i loro pomeriggi a divertirsi.

I miei genitori mi hanno raccontato che quando Vulcania fu realizzata , era una grossa novità per tutti, Forse era una novità troppo grande per gli anni 80/90?  E per questo che forse non è riuscito ad andare avanti? Era un centro commerciale con negozi d’elite, ma c’era pure un supermercato, negozi di articoli sportivi… Forse troppo presto per i catanesi abituati a fare spese in via Etnea e in via Umberto…

Molti commercianti della zona si sono lamentati per il fatto che Vulcania è ormai diventata una “baraccopoli” e la gente ha paura di venire a comprare anche per molti spacciatori che girano.

Quello che spero è che un giorno Vulcania torni il gioiello che era negli  anni 80/90 e che non sia più abbandonato a se stesso.. e che i giovani come me , che non hanno memoria di questo posto, si possano riappropriare di uno dei pochi spazi verdi che la città offre . Quante cose si potrebbero fare …. Quante idee avremmo da proporre …!

*Coordinamento e realizzazione in collaborazione con Gabriele Nasisi V O AT Docente prof.ssa Graziella Guerrera

redazione@thevoicekw.it

redazione@thevoicekw.it